Trasporti ADR


Il 1° luglio 2013 entrerà in vigore in ambito nazionale l’accordo per il trasporto di merci pericolose su strada ADR 2013 e le aziende che effettuano trasporto, operazioni di carico, scarico, riempimento di queste merci dovranno adeguarsi.

Polisoluzioni propone alle aziende che effettuano operazioni di imballaggio e/o riempimento, carico, scarico e trasporto di merci pericolose su strada ADR (ai sensi del D.Lgs. 35/2010)  un servizio a 360°, che va dalla consulenza personalizzata, all'assunzione del ruolo di Consulente ADR in possesso di certificato professionale rilasciato dal Ministero dei trasporti a seconda delle necessità dell’azienda stessa.

L'obbligo di nominare il Consulente ADR compete al legale rappresentante dell'impresa.

I compiti del Consulente ADR sono essenzialmente quelli di esaminare le prassi e procedure relative alle attività dell'impresa riguardanti il trasporto di merci pericolose e le operazioni di carico e scarico di tali merci in particolare per tutto ciò che riguarda:

- le procedure volte a far rispettare le norme in materia di identificazione delle merci pericolose trasportate;

- le prassi dell'impresa per quanto concerne la considerazione, all'atto dell'acquisto dei mezzi di trasporto, di qualsiasi particolare esigenza relativa alle merci pericolose trasportate;

- le procedure di verifica del materiale utilizzato per il trasporto di merci pericolose o per le operazioni di carico o scarico;

- il possesso, da parte del personale interessato dell'impresa, di un'adeguata formazione;

- l'applicazione di procedure d'urgenza adeguate agli eventuali incidenti o eventi imprevisti che possano pregiudicare la sicurezza durante il trasporto di merci pericolose o le operazioni di carico o scarico;

-  il ricorso ad analisi e, se necessario, la redazione di relazioni sugli incidenti, gli eventi imprevisti o le infrazioni gravi constatate nel corso del trasporto delle merci pericolose o durante le operazioni di carico o scarico;

- l'attuazione di misure appropriate per evitare la ripetizione di incidenti, eventi imprevisti o infrazioni gravi;

-  la considerazione delle disposizioni legislative e delle particolari esigenze relative al trasporto di merci pericolose, per quanto concerne la scelta e l'utilizzo di subfornitori o altri interessati;

-  la verifica che il personale incaricato del trasporto di merci pericolose oppure del carico o dello scarico di tali merci disponga delle procedure di esecuzione e d'istruzioni dettagliate;

-  l'avvio di azioni di sensibilizzazione ai rischi connessi al trasporto di merci pericolose o al carico o scarico di tali merci;

- l'istituzione di procedure di verifica volte a garantire la presenza, a bordo dei mezzi di trasporto, dei documenti e delle attrezzature di sicurezza che devono accompagnare il trasporto e la loro conformità alle normative;

- l'istituzione di procedure di verifica dell'osservanza delle norme relative alle operazioni di carico e scarico, la relazione da consegnare entro il mese di febbraio di ogni anno.

 



Share/Bookmark